Ultima modifica: 9 Aprile 2018
Anteprima stampa Anteprima stampa

Programma per la Trasparenza e l’Integrità 2015-2017

Per visualizzare il documento attivare il link posto sul titolo della sottopagina

PROGRAMMA   TRIENNALE   PER   LA   TRASPARENZA   E   L’INTEGRITA’    (PTTI) 2015 – 2017

(art.10 del D.L.vo 14 marzo 2013, n. 33)

Delibera n. 4/2015 

In questo documento é riportato il programma triennale per la trasparenza e l’integrità (PTTI) ai sensi   dell’Art.10  del D.L.vo 33/2013  (d’ora in avanti “decreto”), valido per il triennio 2014-2016.  Al fine di semplificare  le  elaborazioni  e  ridurre  i  tempi  di  lavoro,  il  presente  PTTI  costituisce  una  sezione del  Piano  di  prevenzione  della  corruzione  ex  Art.  1,  commi  7,  8, 9  e  59  della  L.  190/2012  ma formalizzata  come  atto  autonomo.  Il Programma si articola nei punti che seguono.

1) PRINCIPI   ISPIRATORI

Il PTTI si ispira ai seguenti principi:

– “accessibilità  totale”,  come  comportamento  proattivo  della  scuola  che,  preventivamente,  pubblicae  rende  accessibili  le  informazioni  riguardanti  l’organizzazione,  il funzionamento  e  le attività sviluppate  dalla  scuola,  con  la  sola  restrizione  riguardante  i  dati  sensibili  di  cui al  D.L.vo 196/2003;

– la  trasparenza  corrisponde  alla  nozione  di  “livello  essenziale  di  prestazione”  di  cui  all’Art.  117, lettera  “m”,  della  Costituzione,  conseguentemente  rappresenta  non  soltanto  una  “facilitazione” all’accesso  ai  servizi  erogati  dall’I.I.S. “G. Minutoli”  ma  è  essa  stessa  un servizio per il cittadino;

– la  trasparenza costituisce un presidio imprescindibile nella prevenzione della corruzione.

2) IL   RESPONSABILE   DELLA   TRASPARENZA

Il  responsabile  di  cui  all’Art.  43  del  decreto  è  il  dirigente  scolastico  pro  tempore .  Nominativo  e contatti  del  responsabile  sono  pubblicati  e  aggiornati  nella  sezione  “amministrazione  trasparente”  ein altri spazi del sito web.

3) INTEGRAZIONE

Per quanto sopra la trasparenza, e con essa il PTTI, mantiene profonde connessioni con:

– il  Piano  della  performance  ex  Art.  10  D.L.vo  150/2009  (che,  per  effetto  dell’Art.  74,  comma 4  del medesimo  decreto  e  il  mancato  perfezionamento  delle  norme  secondarie  ivi  previste,  non riguarda  l’area  didattica)  in  quanto  istanza  strettamente  connaturata  con le filiere amministrative;

– il Piano di prevenzione della corruzione ex Art. 1, commi 7, 8,9 e 59 della L. 190/2012;

– gli interventi normativi e organizzativi volti a favorire la dematerializzazione degli atti

amministrativi e la digitalizzazione dei flussi informativi ( D.L.vo 82/2005; L. 4/2004; L. 69/2009).

4) OBIETTIVI   STRATEGICI

Gli obiettivi strategici del programma sono:

  1. aumentare ilnumero degli accessi al sito della scuola;
  2. diminuire le comunicazioni verso l’esterno per chiamata diretta, avvisi cartacei etc;
  3. diminuire le istanze interne ed esterne e le richieste di informazioni per presenza diretta o per telefono/fax degli interessati;
  4. aumentare l’impiegodella PEO e della PEC per le istanze degli utenti;
  5. nelle comunicazioni interne, aumentarel’impiego di:

– cartelle condivise;

         – posta elettronica;

       f. diminuirela quantità di documenti prodotti su supporto cartaceo;

g. ridurre itempie i costi delle filiere amministrative e informative;

h. aumentareilgrado di soddisfazione dei clienti;

i. innalzare illivellodi prevenzione di comportamenti

5)   COINVOLGIMENTO   DEGLI   STAKEHOLDER

L’organizzazione scolastica, stante la presenza degli organi collegiali di cui alla parte prima,  titolo 1°   del  D.L.vo  297/1994, è  strutturalmente  predisposta  per  l’interfacciamento  con  gli  stakeholder; sia  interni  che  esterni.  Conseguentemente  gli  OO.CC.  rappresentano il  luogo  privilegiato  ove  si realizza  l’elaborazione,  l’attuazione  e  la  manutenzione  del  PTTI.

Per favorire quanto sopra:

– l’atto  di  indirizzo  e  la  proposta  di  PTTI,  a  cura  del  responsabile,  viene  trasmessa  con  congruo anticipo,  rispetto  alla  seduta  di  adozione,  a  tutti  i  membri  del  consiglio  d’istituto;

– negli OdG. delle sedute degli organi collegiali, con cadenza almeno bimestrale è inserito il seguente punto: stato di attuazione del Programma Triennale per la Trasparenza e l’Integrità.

– la gestione del sito è curata direttamente sotton la responsabilità del Dirigente Scolastico;

6) LE   GIORNATE   DELLA   TRASPARENZA

Il Programma individua nelle assemblee dedicate alle elezioni dei rappresentanti dei genitori negli OO.CC.  di  cui  all’Art.  21,  comma  1  dell’OM  215/1991,  i momenti  in  cui  realizzare  una  capillare informazione  sui  contenuti  del  presente  Programma  e  del  Piano  e  la relazione sulla performance  di cui  all’articolo  10,  comma  1,  lettere  a)  e  b),  del  D.L.vo  150/2009,  come  previsto  al  comma  6  dell’Art10  del  D.L.vo  33/2013.  Gli  esiti  attesi  dalle  predette  “giornate  della  trasparenza”  sono:

– feedback  per  il miglioramento della performance;

– feedback  per il miglioramento dei servizi.

7) LA   SEZIONE   “AMMINISTRAZIONE   TRASPARENTE”

Uno dei propulsori maggiori della rete e del processo della trasparenza è la sezione   “AMMINISTRAZIONE    TRASPARENTE”  (AT; Art. 9 del decreto);  a tale riguardo:

  1. a curadelresponsabile del sito web, la sezione è strutturata in conformità con le prescrizioni contenute  nell’allegato A al decreto;
  2. ilresponsabile dellatrasparenza cura e monitora il flusso delle informazioni sulla sezione;
  3. ciascun operatore scolastico è personalmente impegnatoa:

– ridurre la produzione documentale su supporto cartaceo a favore di quella digitale;

– utilizzare  cartelle  condivise,  indirizzi  di  posta  elettronica  e  ogni  altra  soluzione  tecnologica  in grado  di  migliorare  l’interconnessione  digitale;

– consultare assiduamente il sito della scuola per ricevere e fornire le informazioni sul funzionamento  dell’istituto;

il dirigente scolastico anche quale responsabile del sito web e il DSGA  forniscono le informazioni necessarie  affinché  tutti  i  soggetti  produttori/elaboratori di informazioni diventino  progressivamente  sempre  più  autonomi  nel  pubblicare  le  predette  informazioni  nelle  sezioni  di competenza.

E’ esclusa la pubblicazione su “AMMINISTRAZIONE   TRASPARENTE”, in quanto a vario titolo non riguardanti  l’istituzione  scolastica,  nelle seguenti sotto-sezioni,  previste  dallo  allegato  A  al decreto; le  motivazioni tecnico-giuridiche  dell’esclusione  sono  riportate  direttamente   nelle corrispondenti sotto-sezioni, sul sito della scuola.

Oneri informativi per cittadini e imprese

Sanzioni per mancata comunicazione dei dati

Rendiconti gruppi consiliari regionali, provinciali

Incarichi amministrativi di vertice

Posizioni organizzative

Dotazione organica

OIV

Bandi di concorso

Ammontare complessivo dei premi

Dati relativi ai premi

Enti pubblici vigilati

Società partecipate

Rappresentazione grafica

Dati aggregati attività amministrativa

Sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economici: Criteri e modalità – Atti di concessione

Beni immobili e gestione patrimonio: Patrimonio immobiliare – Canoni di locazione o affitto 

Costi contabilizzati

Tempi medi di erogazione dei servizi

Liste di attesa

Opere pubbliche

Pianificazione e governo del territorio

Informazioni ambientali

Strutture sanitarie private accreditate

Interventi straordinari e di emergenza

8) I   FLUSSI   DELLA   TRASPARENZA   E   MONITORAGGIO

Il programma è articolato in settori denominati FLUSSI DELLA TRASPARENZA; i predetti settori sono:

– FLUSSI    DELLE    INFORMAZIONI    E    DEGLI    ACCESSI    ATTRAVERSO    IL    SITO   ISTITUZIONALE;

– FLUSSI   INFORMATIVI   CON   LE FAMIGLIE;

– FLUSSI   DELLA   TRASPARENZA   EX   D.L.vo 196/2003.

Ciascun flusso della trasparenza viene esplicitato in maniera analitica attraverso indicatori

denominati FATTORI   E   COMPORTAMENTI   PROATTIVI, che costituiscono le  espressioni della trasparenza osservabili e valutabili.

I “fattori e comportamenti proattivi” sono definiti in modo che sia sempre possibile  verificarne l’effettiva realizzazione, riducendo la misurazione al codice binario   SI/NO.

Il programma prevede l’attribuzione dei compiti di monitoraggio verifica ad un sistema di  soggetti distribuiti, in modo da ridurre il rischio di auto-referenzialità.

Nelle tabelle che seguono sono specificati

Ambiti, “fattori e comportamenti proattivi”, “misurazioni e verifiche” e “organi di verifica e

miglioramento” sono riportati nelle tabelle che seguono.

 FLUSSI DELLA TRASPARENZA ATTRAVERSO IL SITO ISTITUZIONALE

Flussi trasparenza attraverso il sito

FATTORI E

COMPORTAMENTI PROATTIVI

TEMPI

MONITORAGGIO

Sito istituzionale conforme standard .gov.it  ATTIVATO

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

Pubblicazione “Atti generali”

Attivato.

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

CONSIGLIO D’ISTITUTO

DSGA

Pubblicazione di “Organi di

indirizzo politico-amministrativo”

Attivato.

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

CONSIGLIO D’ISTITUTO

Pubblicazione “Articolazione

degli uffici”

Attivato.

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

DSGA

Pubblicazione “Telefono e posta

elettronica”

Attivato

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

DSGA

Pubblicazione di “Incarichi

conferiti e autorizzati ai

dipendenti

Attivato

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

CONSIGLIO D’ISTITUTO

A.A. INCARICATO DEL

PERSONALE

Pubblicazione di “Contrattazione

collettiva”

Attivato

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

CONSIGLIO D’ISTITUTO

DSGA

RSU

Pubblicazione di “Contrattazione

integrativa”

Attivato

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

CONSIGLIO D’ISTITUTO

DSGA

RSU

Pubblicazione di “Piano della

Performance”

Attivato

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43 REFERENTE SITO

CONSIGLIO D’ISTITUTO

DSGA

Pubblicazione di “Relazione

sulla Performance”

Prevista entro il 28/2/2014

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

CONSIGLIO D’ISTITUTO

DSGA

Pubblicazione di “Benessere

organizzativo”

Attivato

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

R.L.S.

A.S.P.P.

Pubblicazione di “Dati aggregati

attività amministrativa”

limitatamente al comma 2

dell’Art. 24 D.L.vo 33/2013

Non interessa la scuola

Pubblicazione di “Tipologie di

procedimento”

Attivato

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

DSGA

Pubblicazione di “Dichiarazioni

sostitutive e acquisizione

d’ufficio dei dati”

Attivato

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

DSGA

A.A. COMPETENTI DI SETTORE

Pubblicazione di “Provvedimenti

dirigenti”

Aggiornato periodicamente Attivato

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

CONSIGLIO D’ISTITUTO

Pubblicazione di “Provvedimenti

organi indirizzo-politico”

Attivato

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

CONSIGLIO D’ISTITUTO

Pubblicazione di “Bandi di gara

e contratti”

Attivato

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

CONSIGLIO D’ISTITUTO

DSGA

Pubblicazione di “Bilancio

preventivo e consuntivo”

Attivato

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

CONSIGLIO D’ISTITUTO

DSGA

Pubblicazione “Patrimonio

immobiliare”

Non esistente

Pubblicazione di “Canoni di

locazione o affitto”

Non previsto

Pubblicazione di “Controlli e

rilievi sull’amministrazione”

Attivato

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

DSGA

Pubblicazione di “Carta dei

servizi e standard di qualità”

Attivato

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

CONSIGLIO D’ISTITUTO

Pubblicazione “Indicatore di

tempestività dei pagamenti”

Attivato

Aggiornato periodicamente

RESPONSABILE EX ART. 43

REFERENTE SITO

DSGA

FLUSSI INFORMATIVI CON LE FAMIGLIE

Flussi informativi con le famiglie

FATTORI E COMPORTAMENTI

PROATTIVI

TEMPI

MONITORAGGIO

Modalità per i rapporti con le famiglie

Definito il piano

CONSIGLIO D’IST.

ex art. 29 comma 4 del CCNL

comparto scuola

Attivato

CONSIGLIO D’IST.

modalità di ricevimento individuale

da parte del DS e dei docenti

Definite

CONSIGLIO D’IST.

“pagella” e registro elettronico

art. 7 L. 135/2012

Attivata/Avvio previsto per a.s.2014-2015

CONSIGLIO D’IST.

COLLEGIO DOC.

REFERENTE

incontri periodici con i genitori

Definiti

CONSIGLIO D’IST.

FLUSSI SULLA TRASPARENZA EX D. L.VO 196/2003

Flussi sulla trasparenza

FATTORI E COMPORTAMENTI

PROATTIVI

TEMPI

MONITORAGGIO

1) nomine degli incaricati dei

trattamenti al personale

amministrativo ex art. 30

Effettuate

CONSIGLIO D’IST.

RESPONSABILE Art 29

2) nomine degli incaricati dei

trattamenti al personale docente ex

art. 30

Effettuate

CONSIGLIO D’IST.

RESPONSABILE Art 29

3) nomina del responsabile dei

trattamenti per il personale

amministrativo ex art. 29

Effettuata

CONSIGLIO D’IST.

4) nomine ai fiduciari di

plesso/sede di responsabili dei

trattamenti per il personale docente

ex art. 29

Non previsto

5) informativa privacy ex art. 13

Pubblicata

CONSIGLIO D’IST.

RESPONSABILE Art 29

6) documento programmatico sulla

sicurezza ex allegato B punto

19

Pubblicato

CONSIGLIO D’IST.

RESPONSABILE Art 29

9) DIFFUSIONE DEL PTTI

Il presente Programma e i suoi contenuti vengono diffusi:

mediante pubblicazione nel sito web della scuola;

discussione nell’ambito degli OO.CC.

10) DIFFUSIONE DELLA SEZIONE “AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE”

La conoscenza e l’uso della sezione “amministrazione trasparente” viene favorita:

discussione nell’ambito degli OO.CC.

Messina, 29.1.2015

Vai su